La necessaria battaglia contro la contraffazione

di Giovanni Giacchi – Su www.vinociboealtrestorie.it è apparso un mio articolo per una battaglia che ci unisce tutti: la lotta alla contraffazione e alle agromafie

Non bastano più i regolamenti – tipo quello europeo sulla procedura di rintracciabilità – a fermare la contraffazione dei prodotti. C’è una realtà stucchevole appena fuori l’uscio delle nostre case che sta causando danni economici ingentissimi e in molti casi irreparabili ai nostri produttori. Il falso Made in Italy vale, con i suoi sessanta miliardi di euro, tre volte il nostro export e nessuno sembra voglia fermare queste imitazioni truffaldine: la battaglia contro l’Italian Sounding è diventata campale anche per il nostro Governo, poco tutelato in sede europea, e per le filiere dell’eccellenza alimentare di cui il Paese può ritenersi orgoglioso. La truffa che è perpetrata ai danni delle nostre aziende costa, secondo le stime della Coldiretti, oltre 300mila posti di lavoro in meno all’anno. Solo un prodotto su otto di quelli che girano per il mondo è realmente italiano. L’ultima trovata UE potrebbe essere quella di consentire la liberalizzazione sull’uso dei nomi dei vini, mettendo a rischio tutte quelle bottiglie italiane che prendono il nome dal vitigno e non dal luogo di produzione. Per esempio il Lambrusco – che non ha una località di riferimento che si chiama così – potrebbe diventare un vino prodotto anche all’estero, e nella stessa drammatica situazione potrebbero trovarsi vitigni storici del Bel Paese come il Primitivo, l’Aglianico, il Fiano, la Vernaccia, la Falanghina, il Brachetto, il Vermentino, la Barbera, il Teroldego, il Picolit. Immaginate l’impatto che una decisione del genere avrebbe sui conti di chi produce e sulle speranze di noi tutti che la nostra qualità sia tutelata non solo in ambito europeo ma in tutto il mondo. Proprio adesso che le esportazioni dei vini sono aumentate del 6 per cento per un totale di 5,4 miliardi di euro!

(l’articolo continua su www.vinociboealtrestorie.it)

 

You may also like...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>